fbpx
I bigoli da sagra diventano street food

VICENZA.

Pizza, tramezzini, kebab, panini e bigoli. Un momento. Che c’entra la pasta della tradizione vicentina con tutti gli altri prodotti? Chiederlo a Beppe Berti per la risposta. Il nome potrebbe non dirvi granché. Ma Berti, bassanese cresciuto in città («Mio papà era di Polegge, mia mamma di Cavazzale»), è l’ideatore di “Bigoi”, un locale che dopo aver aperto i battenti a Venezia e Padova è sbarcato a Vicenza.

La ricetta è tanto semplice quanto innovativa: preparare dei bigoli con il sugo (nove le ricette proposte), metterli in un contenitore di cartone («Riciclabile») e consegnarli al cliente per farli consumare al momento; magari passeggiando come se si trattasse di un panino, appunto. «L’idea – spiega – è nata ancora 10 anni fa quando mi sono trasferito a Barcellona. Lì per lì non ha funzionato, perché cucinavamo diversi tipi di pasta. Poi abbiamo pensato ai bigoli: il prodotto ideale perché mantengono la cottura».

EnglishItalianoEspañol